In base al nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione Europea, stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla privacy per offrire un’esperienza utente più personalizzata. Stiamo lavorando con i nostri partner per migliorare il servizio già in uso e saremo in grado di fornire un ulteriore maggiore controllo sui dati.
La nostra nuova Informativa sulla privacy è stata pubblicata in data 11/05/18. Si applica a partire dall’accettazione per i nuovi utenti e dal 25 maggio 2018 per tutti gli altri utenti. Questa la nostra ultima versione Informativa sulla privacy.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Per scoprire di più sull’uso dei cookies clicca qui.

CMH, la seconda compagnia mineraria del Perù, estrae minerali con Getac F110

“Abbiamo valutato e testato le funzionalità del software e dell’hardware di diverse famose marche di computer rinforzati. Nessun altro computer, oltre al Getac F110, ha superato agevolmente il test”.

Juan Carlos Pereyra C./Direttore del reparto IT

Download pdf

Challenge

CMH si trova nel Perù settentrionale e ha una miniera di magnesio a 2.000 metri di quota, con una profondità totale di 1,5 km. I minatori lavorano all’elevata temperatura di 30-40 °C, con un’umidità del 95% e grandi quantità di polvere e sabbia. Devono quindi poter contare su istruzioni cartacee per conoscere le direzioni e le profondità di scavo, registrando inoltre su carta i dati ricavati dal proprio lavoro. Questo tipo di estrazione, con alte temperature e alta umidità, causa però frequenti problemi che non solo rendono difficile la conservazione della documentazione cartacea, ma possono anche limitare i progressi dei minatori determinando talvolta decisioni sbagliate. Ogni errore negli scavi comporta costi superflui e perdite di produttività e di efficienza.

 

La soluzione

In occasione di una conferenza di settore, CMH ha scoperto il tablet Getac fully rugged e ha iniziato a studiare e valutare le possibilità di integrarlo nel settore minerario. CMH ha selezionato i 4 principali marchi globali del segmento dei computer fully rugged, escludendo quelli troppo grandi e troppo pesanti. Ha quindi verificato l’efficacia del software e dell’hardware dei prodotti: solo Getac ha superato i rigorosi test svolti.

Il tablet fully rugged Getac F110 vanta numerose caratteristiche ideali per l’impegnativo ambiente affrontato ogni giorno dai minatori di CMH. È dotato di uno schermo da 11,6″ con funzionalità di zoom e pesa solo 1,39 kg. Non solo è leggero e portatile, ma consente anche ai minatori di determinare con precisione la direzione degli scavi, riducendo il rischio di errori e quindi dei costi di estrazione.

Il vantaggio

Per migliorare le prestazioni e ridurre i costi, oggi il settore minerario richiede sempre più tecnologia. Ciò si riflette nella popolarità crescente dei prodotti e delle soluzioni fully rugged di Getac. Il tablet fully rugged Getac F110, insieme a software di alta qualità per applicazioni minerarie, offre notevoli vantaggi nei rilievi topografici.
In passato i minatori dovevano acquisire i dati utilizzando complicati documenti tradizionali e scartoffie. Le informazioni venivano spesso smarrite e gli errori erano all’ordine del giorno. Dopo che il Getac F110 ha sostituito la documentazione tradizionale si è registrato un deciso miglioramento dell’efficienza. In precedenza, per cercare informazioni si dovevano sfogliare enormi pile di documenti cartacei, con grande dispendio di tempo e notevole impiego di manodopera. Ora le ricerche si possono svolgere sul computer, risparmiando tempo e migliorando l’efficienza.

  • Pubblicata 28 Gennaio 2019

Condividere questa storia

Facebook Twitter Linkedin Pinterest